top of page

Incontro con Marco Buti


Marco Buti CAPO DI GABINETTO DEL COMMISSARIO PER L’ECONOMIA PAOLO GENTILONI COMMISSIONE EUROPEA E GIÀ DIR. GEN. AFFARI ECONOMICI E FINANZIARI





L’Europa si è desta. Sfide e opportunità per l’Italia


Martedì 7 luglio 2020

 

Marco Buti sul tema del Recovery Plan italiano afferma «È essenziale che questo proponga un disegno di sistema incentrato sull’asse europeo della sostenibilità e dell’innovazione digitale. Non sarebbe efficace comporre i temi e l’insieme di progetti operativi mediante una strategia bottom up che si basi sulle iniziative che i vari ministeri o le singole regioni hanno nel cassetto o elaborano indipendentemente l’uno dall’altro». I passati e ripetuti fallimenti nell’utilizzazione dei fondi strutturali, da parte dell’Italia, dovrebbero rappresentare un’utile guida in negativo sugli errori che è possibile evitare. Questo però non significa che il governo italiano possa accentrare tutte le analisi e le decisioni senza avvalersi dei contributi degli attori economico - sociali. Il governo dovrebbe fungere da collettore, coordinatore e selettore anche delle esigenze elaborate da istituzioni e da corpi intermedi.

Gli obiettivi generali del Recovery Fund sono:


1. Affrontare sfide e priorità del Semestre Europeo

2. Rafforzare crescita, resilienza e creare lavoro

3. Contribuire alla coesione economico-sociale

4. Contribuire alla transizione verde/digitale


Tali obiettivi dovranno trovare execution e coerenza nei Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza dei Paesi europei. Ciò che l’economista ha tenuto a sottolineare è che i fondi per essere erogati necessitano di piani definiti e puntuali, che verranno monitorati dalla Commissione europea costantemente e in tutte le fasi di realizzazione.

Saranno verificate tutto le fasi del processo di attuazione delle policy, dai provvedimenti legislativi, ai decreti attuativi, ai meccanismi di implementazione fino agli obiettivi raggiunti.


Comments


Commenting has been turned off.
bottom of page