top of page

Incontro con Francesca Pasinelli




Francesca Pasinelli

DIRETTORE GENERALE FONDAZIONE TELETHON





Ricerca scientifica per rispondere a un bisogno di salute: l’esperienza di Fondazione Telethon



 

L’attuale emergenza coronavirus ha reso evidente il valore universale e l’importanza della ricerca, che deve divenire pilastro degli investimenti pubblici e privati. Fondazione Telethon, presieduta da Luca di Montezemolo, studia le malattie genetiche rare, in trent’anni ha investito su oltre 2600 progetti di ricerca. Importanti i traguardi raggiunti dalla ricerca medica di Fondazione Telethon, molte delle scoperte, pur riguardando malattie genetiche rare, trovano successiva applicazione nella cura di malattie più comuni. Una delle iniziative promosse dalla Fondazione, in risposta all’emergenza sanitaria attuale, è un bando dedicato a progetti che utilizzino le malattie genetiche come modello per far luce su COVID19 e il comportamento del nuovo coronavirus. In questi mesi sono emersi diversi punti di contatto con l’ambito di studio della Fondazione: dai sistemi di trasporto che il virus sfrutta per riprodursi una volta infettata la cellula (gli stessi mutati in alcune malattie genetiche del “traffico cellulare”), a specifiche molecole responsabili, quando alterate, di malattie genetiche che sono risultate essere coinvolte anche nell’interazione tra SARS-CoV2 e le cellule umane.


Molta attenzione viene posta da Fondazione Telethon al sistema di valutazione per l’erogazione dei fondi, con una certificazione di qualità, sul modello anglosassone, che premia il merito e i risultati misurati periodicamente attraverso il numero e la qualità delle pubblicazioni scientifiche. Secondo la Direttrice Pasinelli è necessario che la ricerca scientifica sia destinataria privilegiata dei fondi del Recovery Plan. La pandemia ha infatti messo in evidenza quanto la ricerca scientifica sia fondamentale e che la scienza, quando fatta bene, è sempre preziosa, e presto o tardi, finisce per divenire una cintura di sicurezza per l’umanità.


bottom of page